Cos’è il Visual Storytelling?

visual-storytelling

Soprattutto nel settore della comunicazione visiva, troviamo sempre più applicata la tendenza della doppia esposizione, ovvero quella tecnica fotografica che permette di creare immagini tramite una sovrapposizione di più foto. Vengono così create immagini spettrali in cui si aggiungono, con diverse esposizioni, oggetti o persone che nella realtà erano assenti. Tecniche di cui  comunicazione e marketing fanno uso per arrivare al cliente con messaggi incisivi ed efficaci. Tra queste, data anche la sempre minore attenzione ai testi che le persone danno, tutto ciò che è legato all’immagine (tecniche di animazione o time-lapse) ed ai fenomeni legati al visual sono considerati, sempre più, canali di estrema efficacia per comunicare  la mission del proprio brand.

Ormai si sente sempre più parlare di visual storytelling: cioè raccontare il proprio brand attraverso le immagini. La forza espressiva e la potenza di foto e video possono far arrivare in maniera diretta il nostro messaggio e la nostra comunicazione rendendola ancora più coinvolgente.  

Leggi Tutto

Sintonia e Focalità

Se, da una parte, siete costretti a vivere in una società dai confini sempre più fragili, in un mercato fluttuante ed imprevedibile, con consumatori digitali ed attratti dalla rete, abituati alla velocità, dall’altra abbiamo grandi possibilità di rispondere a tutto questo: rimettendoci con grande consapevolezza ed intelligenza al centro di questo universo sempre in movimento e sempre più dispersivo…

Italo Calvino ci ha lasciato una bella lezione, raccontandoci che solo facendo sintesi tra”sintonia” e “focalità” è riuscito a diventare scrittore. Bene, “sintonia” e “focalità” sono anche i due estremi tra i quali ci dobbiamo orientare, due tendenze di fondo che dominano il mercato e che dobbiamo orientare, e che dobbiamo sintetizzare per lavorare e diventare Imprenditori o Retailer con l’iniziale maiuscola.

Se sapremo leggerle, interpretarle, sapremo anche fornire risposte, non solo adeguate, ma sopratutto creative e forse più felici, al grande cambiamento che ha investito tutti. Riuscendo a ricostruire, riordinare, rimescolare, facendo ordine e sintesi anche in noi stessi.

Leggi Tutto

Un buon VM..

…dipende quindi essenzialmente da voi, dal vostro desiderio di cambiare e di leggere il mercato in maniera diversa ed innovativa.
La scelta di buoni professionisti potrà supportarvi in questa esperienza, che non va vissuta come un costo, ma come un investimento per il vostro futuro.

Leggi Tutto

Coraggio, creatività e fantasia

….sono le parole d’ordine che dovranno contraddistinguervi:

  • scavate nel vostro passato.
  • nei vostri viaggi.
  • nelle vostre avventure.
  • tirate fuori passioni, interessi, affetti.

Portate i pezzi significativi delle vostre storie in negozio ed utilizzate il web in maniera razionale creando un sito attrattivo: lo trasformerete in uno spazio personalizzato ed originale, unico e irripetibile, che non teme né la concorrenza, né il cambiamento, né le vendite in internet, ma che dice qualcosa di voi, facendovi conoscere nel mondo intero e che vi aiuterà ad intercettare le tendenze che animano le nostre città…

Scordatevi di poter accontentare tutti indistintamente: scegliete un target consumatore, approfonditelo e costruitevi un linguaggio efficace. Se invece temete la scelta di indirizzarvi ad un solo e preciso target consumatore, allora selezionate una ristretta categoria di prodotti ed intensificatela al massimo: con competenza e creatività, diventate un “category killer”, cioè leader assoluto nel segmento scelto. Non abbiate paura: né di scegliere, né di rinunciare, né di farvi largo nel mondo dei marchi. Se ritenete che il vostro negozio abbia un’insegna con caratteristiche tali da essere riconosciuta come marchio, proseguite su quella strada, ampliatela, fatela vostra, metteteci tutta la vostra passione.

Leggi Tutto

Da Retailer a Registi

Il negozio visto come palcoscenico è un luogo in cui il cliente può immergersi completamente. Peter Sloterdijk.

Le due R del terzo millennio.

Il VM è una disciplina fondamentale del moderno retail: attraverso di essa si possono ottenere notevoli risultati in termini estetici, di dialogo con il cliente e di vendita.

  • Il Retailing, è in continua evoluzione perché si deve adeguare ai progressivi cambiamenti del comportamento d’acquisto dei consumatori. Il VM, di conseguenza, deve essere applicato seguendo questa evoluzione. Le regole del VM sono poco numerose, ma la loro corretta  e costante applicazione permette di ottenere il coinvolgimento emotivo del cliente fidelizzandolo.

“Fare Retail” significa realizzare un mondo nel quale il cliente si possa immaginare ed identificare come protagonista. Il cliente deve poter sognare, esattamente come quando, vedendo un bel film, si proietta in un sogno o in una situazione.Nel vivere”quella storia”, desideriamo entrarci “da protagonisti”. Per questo motivo, i PV devono diventare simili ad un set cinematografico ed un bravo retailer deve diventare il regista del proprio negozio.

  • Il regista sceglie infatti il titolo (il marchio), gli attori (il personale ed i prodotti), la scenografia (l’arredo), le musiche e la fotografia (i complementi e le luci), ma sceglie prima di tutto una storia, quella che si vuole raccontare, ovvero la sceneggiatura da cui si vuole partire. Se un film ha successo, lancia mode e trend.

Leggi Tutto

Entra in contatto

Dove

Telefono

Offcanvas

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.